Risultati della ricerca di Paola Motta

 

Gentili soci,

Di seguito potete trovare i risultati della ricerca qualitativa condotta da Paola Motta, nostro socio e membro del Consiglio, sul tema "Quale mercato per l'intercultura?". I risultati sono stati presentati nell'academic track al congresso di SIETAR Europa tenutosi a Valencia dal 21 al 23 maggio.

Sotto trovare i link sia per i risultati in italiano che la presentazione in inglese data a Valencia.

Un sincero grazie a Paola per condividere i risultati del suo lavoro con noi!

 

- Cliccate qua per i risultati (in italiano) della ricerca qualitativa (file PDF)

- Cliccate qua per la presentazione in inglese data a Valencia (file PDF)

 

Teaching notes: CIBO SERVIZIO CULTURA

 by SIETAR Italia

Cibo servizio cultura è un blob della durata di 14 minuti, creato per essere utilizzato in contesti di formazione e discussione su temi di comunicazione interculturale. È costituito da 9 brani presi da vari film italiani e non, in cui sono rappresentati diversi momenti e modi di fruizione del cibo: ovvero sono narrati differenti rituali, ingredienti, stili di servizio, modalità di accostamento delle portate, percezione dell’appropriatezza degli orari e dei comportamenti, ecc.
L’obiettivo del blob è utilizzare i diversi modi di mangiare e servire il cibo come metafora o decodifica delle differenze culturali e delle difficoltà/opportunità di comunicazione interculturale.
Download teaching notes

Using literature ad a low-tech virtual tool at SIETAR Europea Congress in Krakow
by SIETAR Italia

Virtual worlds, simulated reality and distance learning using advanced technology are the protagonists of our time in bringing cultures and peoples together. But can literature and, in particular, novels still prove useful as low-tech instruments in increasing mutual understanding among cultures? And, even more so, is literature suitable for intercultural training, for example, in the business world?
Download article

Managing change in China: a computer based simulation from perspectivefrom an external perspective
by Marianna Amy Crestani

As organizational change, and in par-ticular change driven by information and communication technology, has become an important way to improve the efficiency of business processes, more and more organiza-tions are paying increasing attention to helping their managers acquire the necessary knowledge and skills to better manage such change.The LingHe Simulation is a computer-based interac-tive multimedia simulation which models the dynamics of or-ganizational change in a typical Chinese business environment.
Download article

 

ADDING STRINGS TO YOUR BOW - AGGIUNGI FRECCE AL TUO ARCO

 

Vorrei condividere con voi ulteriori informazioni riguardante il DPI (Developing People Internationally) Accreditation Programme che verrà offerto presso la mia struttura - Anderson House - a Bergamo in collaborazione con York Associates (UK) il prossimo 17-19 giugno.

Il programma di 3 giorni conferisce ai partecipanti un accreditamento per l'utilizzo dei material i DPI per la gestione di team interculturali, in particolare international management teams. Il corso è mirato a docenti di Business English, formatori e consulenti aziendali che fanno già formazione interculturale a team internazionali e che vogliano aggiungere queste skills a quelle che già posseggono. Presuppone che i partecipanti abbiano già le competenze basilari nella comunicazione e nella gestione di rapporti interpersonali in contesti interculturali. Tuttavia, essendo queste discipline relativamente nuove in Italia, è possibile che non tutti gli interessati abbiano avuto una formazione di base rigorosa nella comunicazione interculturale, tale da poter trarre il massimo profitto dal Programma di Accreditamento.

Per queste persone, suggerisco di seguire un doppio programma:

- chi si affaccia al mondo del training interculturale, prima di partecipare agli incontri a Bergamo a giugno, potrà partecipare ad un corso di base di 5 giorni (DITS - Developing Intercultural Training Skills)

- mentre a chi ha già esperienza nel settore consiglio di seguire  il corso intermedio di 3 giorni (DIT - Developing Intercultural Skills) presso la LTS di Bath in Gran Bretagna.

Questi corsi insegnano la teoria e la pratica della formazione interculturale ed aiuteranno i partecipanti a meglio integrare argomenti interculturali nella formazione che già fanno o di erogare i propri corsi di formazione interculturale. Vengono offerte varie date nel corso del 2010 ed è possibile che una delle date del DITS si tenga presso la Anderson House a Bergamo. Naturalmente, per chi volesse fare il corso a Bath, troverà una bellissima città con architettura georgiana e le terme romane meglio conservate del Nord Europa. Per arrivarci, Easyjet ha voli da Milano a Bristol (a 30 km da Bath) per soli 50 euro e la scuola organizza l'alloggio presso famiglie selezionate o in albergo, quindi per frequentare non occorrono grandi preparativi. Per ulteriori ragguagli, visitare il sito www.lts-training.com t; o di scrivere a Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Come conclusione di questo percorso formativo, raccomando di divenire anche un TIP trainer. Worldwork proporrà il corso insieme a York Associates in alcune città europee. Il TIP (The International Profiler) licensing workshop di 3 giorni dà uno strumento potente di feedback per misurare lo stile di lavoro del manager internazionale basandolo sul "intercultural competence framework" con 10 "core dimensions". Questo quadro di competenze è strettamente legato ai moduli del DPI. Per ulteriori info, visitate www.worldwork.biz e www.york-associates.co.uk.

 

Ottenuta la certificazione, il partecipante potrà offrire alle società una prima cernita con il TIP (2 ore) in cui si analizzano le competenze dei manager nell'azienda, seguita dal feedback telefonico di un'ora condotta dal TIP trainer. A ciò potrà seguire una proposta all'azienda di corsi modulari di formazione interculturale sui paesi con cui le società lavorano, o di formazione modulare sui parametri del DPI che vanno dalle competenze interculturali a quelle di "business communication" alla "leadership competence". I vari moduli possono sviluppare le capacità dei manager di lavorare con manager stranieri o in team internazionali sia a livello relazionale, che di network management, sia la capacità di saper comunicare obiettivi con efficacia, che quella di comunicare un "coach approach", sia le competenze di gestione dei conflitti che il saper promuovere la cooperazione.